Assunzioni di giovani a tempo indeterminato. Ecco le istruzioni per usufruire delle agevolazioni contributive

Assunzioni di giovani a tempo indeterminato. Ecco le istruzioni per usufruire delle agevolazioni contributive

Riduzione del 50% o del 100% dei contributi per un periodo di tre anni fino ad un massimo di 3.000 euro annui.
E’ questa l’agevolazione prevista per chi assumerà giovani con contratti a tempo indeterminato.

A regolamentare la modalità di fruizione è stata l’INPS con una circolare pubblicata nei giorni scorsi.

L’esonero  contributivo   spetta  a  condizione  che  l’assunzione  con  contratto  di lavoro  subordinato  riguardi  soggetti  che  non  abbiano  compiuto  il  trentesimo  anno  di età  (35 per le assunzioni effettuate nel 2018) e  non  siano  stati  occupati  a  tempo  indeterminato  con  il  medesimo  o  con  altro datore di  lavoro  nel  corso dell’intera  vita  lavorativa.

L’esonero  è  elevato  nella  misura  del  100  per  cento  dei  complessivi  contributi previdenziali  a  carico  dei  datori  di  lavoro,    e  sempre  nel  limite massimo  di  3.000  euro  su  base  annua,  quando le  assunzioni  a  tempo  indeterminato  riguardino  giovani  che,  nei  sei mesi  precedenti,  abbiano  svolto  presso  il  medesimo  datore  di  lavoro  attività  di alternanza  scuola-lavoro  o  periodi  di  apprendistato  per  la  qualifica  e  il  diploma professionale,  il  diploma  di  istruzione  secondaria  superiore,  il  certificato  di specializzazione  tecnica  superiore  o periodi  di  apprendistato  in  alta  formazione.

Il beneficio si applica per  le  assunzioni  riguardanti  i  lavoratori  che  rivestono la  qualifica  di  operai,  impiegati  o quadri.

 

 

Normativa INPS

Related Posts